.
Annunci online

  Calimera [ Una vita fuori posto in un mondo fuori tempo ]
 
 
         
 


Ultime cose
Il mio profilo


Maus
Mauro Biani
Dizionario
Weather Forecast
War News
Cambi Valuta
Motore di ricerca
Libri e Video on line
Cinema & Co.
Corriere della sera
La Repubblica
La mia posta
Ombra
Giorgio Maria
Ale
Bridget
tirzio
delfi
Gidibao
Beppone
Pulsatilla
Napolino

cerca
letto 161066 volte

Feed RSS di questo blog Rss 2.0
Feed ATOM di questo blog Atom
 


7 novembre 2006

Io vado.......


Ll' ammore è comme fosse nu malanno
ca, all' intrasatta, schioppa dint' 'o core
senza n'avvertimento, senza affanno e te pò
ffa' murì senza dulore" 
Antonio De Curtis, in arte Totò

Ho un peso proprio qui, giusto alla bocca dello stomaco......vado a sposarmi, magari mi passa! :) Pensate un pò a me, mi raccomando che poi vi racconto l'effetto che fa! A presto, bloggers!




permalink | inviato da il 7/11/2006 alle 16:8 | Leggi i commenti e commenta questo postcommenti (68) | Versione per la stampa


6 novembre 2006

Flagelli



Annunciazione, annunciazione: IO SONO L'UNICA PROMESSA SPOSA AL MONDO CHE RIESCE AD INGRASSARE AD UNA SETTIMANA DALLE NOZZE!
Se non è sfiga questa, ditemelo voi!!!




permalink | inviato da il 6/11/2006 alle 17:5 | Leggi i commenti e commenta questo postcommenti (15) | Versione per la stampa


3 novembre 2006

Il silenzio è d'oro!



Buon week-end, amici! Io vado a vivermi l'ultima settimana da single e che Dio me la mandi buona :))




permalink | inviato da il 3/11/2006 alle 11:43 | Leggi i commenti e commenta questo postcommenti (17) | Versione per la stampa


31 ottobre 2006

Un addio



Ho passato la maggior parte della mia esistenza a studiare, diciamo che a dirla tutta, non ho fatto altro dai 6 ai 26 anni. Sono stata una studentessa modello, una “secchiona” come si diceva ai miei tempi (chissà come si dirà adesso?), ma imparare, ripetere, dimostrare qualcosa mi è sempre piaciuto. Ho avuto maestre da cui apprendere, insegnanti da seguire, esempi da evitare e mentori, professoroni, uomini di spessore che hanno reso il percorso universitario anche una vera e propria scuola di vita. Oggi ho saputo che uno di loro è venuto a mancare, il mio relatore, colui che intravedeva per me un radioso futuro di accademica (in breve disatteso), un uomo intelligente, sensibile, buono e di esperienza. Ho capito che con lui, con la sua storia, se ne andava anche un pezzo di ciò che sono stata, quella parte di me che ancora cercava una strada. Il dolore arriva e non te ne accorgi, arriva anche quando stai per festeggiare un altro traguardo, non bussa, ti piomba addosso come un macigno e ti scaraventa indietro di anni. Ci sono lacrime che non ti aspettavi scendessero e mancanze che non sospettavi potessero diventare tali, eppure la vita è così, sorprende anche nel buio di una perdita. E oggi sono qui a guardarmi alle spalle senza capire perché il tempo passa e ti ruba sempre un po’ di quello che hai.




permalink | inviato da il 31/10/2006 alle 17:0 | Leggi i commenti e commenta questo postcommenti (21) | Versione per la stampa


30 ottobre 2006

Mio amore non credere


Mio amore non credere che oggi
il pianeta percorra un’altra orbita, 
è lo stesso viaggio tra le vecchie
stazioni scolorite;
vi è sempre un passero sfrullante
nelle aiuole
un pensiero tenace nella mente.
Il tempo gira sul quadrante, giunge
un segno di nebbia sopra il pino
il mondo pende dalla parte del freddo.
Qui le briciole a terra, la brace del camino,
le ali,
le mani basse e intente.

Bartolo Cattafi




permalink | inviato da il 30/10/2006 alle 12:27 | Leggi i commenti e commenta questo postcommenti (8) | Versione per la stampa


26 ottobre 2006




Gli eventi stanno avendo la meglio su di me,
credo che non ce la potrò fare……..
Nell’ordine:

Lunedì abbiamo forato in corsa, in una strada
di campagna; per poco non ci schiantavamo
addosso ad un muro di cinta.
Il carro attrezzi ci ha fatto aspettare due ore
in mezzo al nulla, mentre scendeva il buio
e io già mi vedevo preda di maniaci armati con
coltelli tra i denti e rapaci nelle mutande;
Martedì sono rimasta a casa per riprendermi,
forse mi è servito.
Mercoledì al lavoro è stato un delirio, sono entrata, 
uscita e rientrata otto volte, ho fatto tre colloqui
per la nuova receptionist e partecipato a quattro riunioni.
La sera a casa l’isola dei famosi mi ha dato il definitivo
colpo di grazia.
Giovedì, oggi, il server è stato fuori uso fino alle 4:00pm,
ho visto altre due ragazze per il centralino, sono andata dal
medico e ho spedito 5 curricula per me.
Venerdì, domani, ho la prova dell’abito e l’acquisto delle scarpe;
se sono ingrassata mi suicido sul posto, se sono dimagrita
mi suicido lo stesso.
Sabato ho la prova del trucco, la prova dell’acconciatura e il bagno
dei cani J 
Domenica riposo – almeno credo – se non schiatto prima.
Credo che finalmente adesso capirete la mia forzata latitanza.  
Ma torno,
LO GIURO, torno prestissimo!




permalink | inviato da il 26/10/2006 alle 18:3 | Leggi i commenti e commenta questo postcommenti (12) | Versione per la stampa


22 ottobre 2006

Per non dimenticare

HEROIC EFFORTS Stone remembers 9/11 his way, with a tribute to McLoughlin (Cage) and Jimeno, two first responders who survived
Ricordare quei giorni
è come ricordare la morte.
L’odore acre della vita che sparisce.
lo sgomento, la paura, la fine.
Ricordare quel giorno è come
colorare di nero una tela bianca,
sporcare un’idea,
uccidere un sogno,
spezzare i fili del tempo.
Rimasi sospesa nel vuoto di un orrore a cui,
ancora adesso,
non riesco a dare un nome.
Spezzata, trafitta da una lama
sottile come carta velina,
inutile, perduta, scaraventata
in un tunnel senza luce.
Oggi, dopo 5 anni, la ferita è ancora aperta,
perché questa,come l’olocausto, come Hiroshima,
è una ferita impossibile da risanare,
uno strazio impossibile da consolare.
Penso agli uomini e alle donne di quell’11 settembre,
penso al loro coraggio, al bisogno di sentirsi solidali,
adesso che i morti giacciono e le fredde membra sono state seppellite
in mezzo
a lacrime ormai asciugate dal vento.
2.749 morti, tra cui poliziotti, vigili del fuoco,
semplici cittadini, lavoratori di ben 81 nazionalità,
un’umanità abbattuta, sconfitta, persa per sempre.
L’eroismo dei molti che hanno sacrificato la propria vita
pur di salvare un’anima; il valore, l’indomita fierezza,
questo è il film di Oliver Stone,
questo è World Trade Center.
Quella voragine rimasta nel cuore di ognuno di noi,
l’espressione incredibile di Nicolas Cage,
un’America che non si arrende,
un Paese che non dimentica.
Sono scossa, sconquassata come dopo un incidente,
perché ogni volta, di fronte a certe immagini,
penso che sarebbe potuto capitare anche a me.
Vi dico: andatelo a vedere per non perdervi,
per non perderci, perché ci sia sempre un posto nella nostra memoria
in cui la mano dannata che si è abbattuta senza pietà,
sulla umana pietà di chi non c’è più,
trovi condanna, e disprezzo e castigo.
Preservare il bene per sconfiggere il male,
ritrovare l’amore e la comunione
per gettare fondamenta più solide e futuri di libertà.
Fare del cinema per rendere onore ai giusti
è fare dell’arte uno strumento di pace. 


N.B. La critica non è stata generosa: il film, giudicato da molti, retorico e
melenso, è – secondo Alberto Crespi – “un roboante messaggio di riconciliazione azionale, un manifesto iper-realistico all'insegna del volemose bene'”. Io, invece, lo considero un film Giusto: non ci sono nazionalismi e condanne da perpetrare, sullo schermo sventola alto l’onore degli uomini e in un tempo in cui la politica e le sue aberrazioni la fanno da padrone, è davvero una grande prova di cinema, superata con onestà intellettuale e buoni sentimenti. 




permalink | inviato da il 22/10/2006 alle 19:27 | Leggi i commenti e commenta questo postcommenti (18) | Versione per la stampa


21 ottobre 2006

Scelgo te

la fine dell'amore

Fuori fa freddo e non c’è nulla di nuovo da vedere e davvero non è per pigrizia, è una questione di quantità di cose, che possono starci in una casa e in un cuore, almeno nel mio dico. Nel mio ci stai tu e occupi così tanto spazio che scelgo te. Scelgo altre mille volte te, i tuoi occhi, e le cose che mi dici le volte che parli. Scelgo di imparare le tue canzoni e di leggere i tuoi libri. Scelgo te e non dovrei, perché ogni tanto dovrei scegliere me per vedere che piega avrei preso, se tu non fossi esistito. E non lo so che piega avrei preso, non sono neppure capace di immaginarlo. Neanche immagino la musica che mi sarebbe piaciuta e se i capelli li avrei tenuti lo stesso così. Questo è un errore, ed è grave dieci da uno a dieci, visto che ora siamo simili e diversissimi. A te piacciono anche i finocchi perché piacciono a me. Ma io me lo ricordo che dicevi che schifo e sono verdure acqua. E per quanto l’abbiamo scritto su ogni foglio e ogni lettera, insieme a sempre e vita e tutto il resto, l’amore è sparito comunque”. Ilaria Bernardini – “La fine dell’amore” ISBN Edizioni




permalink | inviato da il 21/10/2006 alle 13:38 | Leggi i commenti e commenta questo postcommenti (10) | Versione per la stampa


20 ottobre 2006

Massime



NIENTE E' FINITO FINCHE' NON FINISCE..........
Buon week-end bloggers!
 




permalink | inviato da il 20/10/2006 alle 12:1 | Leggi i commenti e commenta questo postcommenti (9) | Versione per la stampa


19 ottobre 2006

Hakuna Matata



Oggi avrei voglia di scrivere, ma è come se ci fosse un tumulto dentro di me che non riesce a trovare le parole, le frasi, le giuste articolazioni per sfociare e diventare senso. Ho la testa piena di cose, scelte importanti, logistiche più o meno assillanti, la fase scomoda degli auguri fatti da parte di chi li sente davvero e da parte di quelli che ti ossequiano solo per preservare una discutibile forma. Vorrei sparire, ma credo che anche questo rientri nella casistica pre-matrimoniale quindi non mi sembra di essere nemmeno troppo originale. L’inverno pare arrivato, il cielo grigio concilia una cronica accidia che il turbinio dei prossimi eventi rende ancora più accentuata. Trattengo a stento l’insofferenza a confini che sento sempre più angusti, mi barcameno molto più infelicemente tra i flussi informatici del quotidiano: “cercasi assistente di direzione……………”, quasi quasi mi rassegno. Non si batte chiodo, forse se facessi la frigorista, l’impiantista, l’idraulico o il cuoco avrei miglior fortuna…ma tant’è, dicono che l’hasard è solo una questione di tempo, prima o dopo si ricorderà anche della sottoscritta.

Faccio un bel respiro e recito convinta:

“Hakuna matata, pole, pole. Hakuna matata, pole, pole.
Não há problema, tranqüilo, tranqüilo. Não há problema”........se credi ai miracoli, alla fine magari si avverano. Buon pomeriggio, bloggers!




permalink | inviato da il 19/10/2006 alle 15:1 | Leggi i commenti e commenta questo postcommenti (8) | Versione per la stampa

sfoglia     ottobre       

 
STO LEGGENDO



Basta! Parlamento pulito

Elezioni 2006. Io sono qui. E tu dove sei?			The WeatherPixie



























































 










































             Il mio mito

Bienvenido al mundo de Mafalda online!!!
La mia vacanza ideale

La mia città